Per la realizzazione del Professionista della “Cura del Terreno”

Direttore scientifico e Docente della Scuola

Dott.ssa Monica Greco, medico Chirurgo, Specialista in Geriatria e in Fisiatria. Esperta in PNEI, medicina di segnale, medicina funzionale, omeopatia, omotossicologia, mesoterapia antalgica ed estetica, in formazione in omeosinergia. Docente Universitario in epigenetica. Docente nella scuola di alta formazione in Epigenetica.

Segreteria  scientifica

Barbara Casalini, consulente in scienze naturopatiche, food tutor, consulente in Nutrizione, Professionista certificato della “Cura del Terreno”. Cell 3922411288

Cosa si intende per “Cura del terreno” e per “Alimentazione del terreno”

La medicina del terreno è così definita perché rivolge la sua attenzione in primis al terreno interno, alle radici di ogni problema fisico e spesso anche comportamentale della persona, nella consapevolezza dello stretto connubio fra intestino e cervello, e nel rispetto del dialogo intercellulare svolto nel corpo umano dalle molecole di segnale.

L’allievo imparerà a riconoscere il terreno di una persona in termini biocostituzionali, miasmatici, funzionali e alimentari. I miasmi o radici derivano dalla medicina omeopatica, ma sono resi attuali nel connubio di valutazioni cliniche e funzionali della persona.

Le molecole di segnale sono ormoni, neurotrasmettitori, adipochinee citochine che permettono un continuo dialogo fra il sistema nervoso centrale, in particolare, l’ipotalamo, e i quattro assi metabolici dell’organismo (tiroide, surreni, GH, gonadi).

In tal modo è possibile affrontare ogni problema del neurosviluppo  e ogni alterazione del metabolismo basandosi sui segnali del corpo attraverso elementi fondati sulle basi scientifiche della medicina dell’evidenza, ovvero sui comprovati meccanismi di regolazione degli assi metabolici umani, così come vengono contemplati dalla biochimica, fisiologia, endocrinologia e medicina interna.

Ciò che permea ogni base nutrizionale ed epigenetica, di stile di vita dell’approccio di terreno,  è l’interpretazione operativa che offre dei dati, assegnando importanza alle capacità regolative di adipochine, enterochine, miochine e neurotrasmettitori piuttosto che a elementi di forzatura esterni come i farmaci.

Le patologie, infatti, sono espressione di disagi, sovraccarichi e disfunzioni che non vanno soppresse dall’esterno ma interrogate, interpretate, comprese,corrette, curate “alla radice” (da cui il termine “terreno”).

E’ determinante considerare come parte centrale della cura antinfiammatoria i segnali naturali legati al cibo, al movimento e all’equilibrio psicoemozionale, piuttosto che sulla soppressione di sintomi con i farmaci

Il termine “infiammazione” evoca subito l’idea della “fiamma” proprio in virtù degli aspetti specifici che la caratterizzano:

  1. Calor (= calore)
  2. Dolor (= dolore)
  3. Rubeor (= rossore)
  4. Functio lesa (= ridotta performance funzionale)

Si tratta degli aspetti tipici della flogosi acuta. Sotto il profilo medico non ho mai considerato come “negativa” una manifestazione acuta, in quanto nella maggior parte dei casi si tratta di una difesa, innata,  di una esonerazione tossinica o di una via di liberazione, in seguito ad una saturazione tossinica dell’organismo. In altre situazioni si verifica come risposta immediata a un trauma sempre con dolore, gonfiore e arrossamento e deficit funzionale nel movimento. L’obiettivo e lo scopo evolutivo  dell’infiammazione è eliminare un sovraccarico o un danno interno  e termina quando la causa iniziale è stata rimossa, proprio perché non sussiste più il bisogno del meccanismo difensivo. La componente subdola e pericolosa della flogosi è quella caratteristica della infiammazione silente che colpisce l’organismo, come la brace sotto la cenere, in assenza di sintomi evidenti, decorrendo in maniera asintomatica e sfociando, nei casi cronicizzati, in patologie cronico-degenerative.

Le cause della flogosi cronica costituiscono pertanto gli aspetti più importanti da considerare e trattare:

  • deficit di funzione mitocondriale, con decremento nella produzione di ATP (adenosintrifosfato che è la  moneta di scambio energetico della cellula)
  • stress ossidativo, ossia la produzione di radicali liberi dell’ossigeno senza un’adeguata compensazione antiossidante. Ogni radicale libero dell’ossigeno è paragonabile ad una fionda lanciata a caso nel corpo e che può colpire e danneggiare ogni struttura cellulare, dal citoplasma al nucleo. Questo meccanismo porta ad ossidazione ad esempio anche del colesterolo rendendolo particolarmente pericoloso per le arterie
  • il carico allostatico epigenetico costituito da sostanze chimiche, pesticidi, eccipienti, metalli pesanti, alcool,droghe psicoattive, alcuni farmaci, smog, elettromagnetismo, fumo
  • la leaky gut syndrome o sindrome da permeabilità intestinale caratterizzata dal fatto che la mucosa intestinale paragonabile in condizioni fisiologiche a un colino a maglie strette che non permette il passaggio di sostanze nocive, diventa un colino a maglie larghe permettendo il passaggio di batteri, virus, funghi, parassiti, tossine, lipopolisaccaridedalla mucosa intestinale al circolo ematico con possibili slatentizzazioni di autoimmunità, cefalea, dermatiti, micosi etc…
  • i tre killer bianchi alla base dell’infiammazione sono: il latte, lo zucchero e la farina bianca raffinata.
  • la glicazione dovuta ad precisi metodi di cottura come quella alla brace ad esempio con annerimento della carne
  • gli adipociti bianchi che spesso costituiscono accumuli adiposi cronicizzati e difficilmente rimovibili, sono alla base dei più alti livelli di infiammazione (aspetto che non caratterizza, invece, gli adipociti bruni, caratterizzati da un metabolismo più attivo)
  • il polimorfismo per l’MTHFR con aumento della omocisteina aumenta la possibilità di flogosi dell’endotelio vasale per cui una eventuale iperomocisteinemia va corretta

Pertanto l’alimentazione che cura deve essere necessariamente rivolta a ridurre lo stato di flogosi dell’intero organismo, offre la possibilità di soddisfare il palato, attraverso preparazioni semplici, belle da vedere e buone da gustare. Nella realizzazione dello schema alimentare non vengono contate le calorie, non vengono pesati gli alimenti, ma ci si concentra sulla qualità dei cibi, sui giusti abbinamenti e sugli aspetti cronobiologici.  Il primo effetto benefico, nel momento in cui l’organismo raggiunge l’omeostasi e i giusti segnali di consumo, è la riattivazione metabolica e il raggiungimento del benessere. L’allievo apprenderà tutti i concetti delle dieta mitocondriale- antinfiammatoria

Il professionista della “Cura del Terreno” apprenderà le modalità di cura (se medico o odontoiatra) o di accompagnamento alla cura, (se biologo nutrizionista o farmacista) di molteplici  situazioni cliniche alla radice del problema, del sintomo, della sindrome, per cui una volta superato l’evento curato, dopo, la persona curata è più sana di prima.

A chi è rivolto

La scuola è rivolta alla figura del:

  • Medici chirurghi
  • Odontoiatri
  • biologi nutrizionisti
  • farmacisti
  • Infermieri, solo se iscritti insieme a un medico di riferimento con il quale poi lavoreranno
  • naturopati, solo se iscritti insieme a un medico di riferimento con il quale poi lavoreranno

In tal caso il professionista acquisirà consapevolezze e competenze di cura che gli permetteranno di ampliare le possibilità di intervento nella cura di molteplici situazioni cliniche e di fornire indicazioni terapeutiche, alimentari e di stile di vita consone ad ogni situazione, agendo sulla radice del problema

Condizione necessaria per accedere al corso:

  • Aver frequentato e ottenuto l’attestato del modulo base della Scuola Nutri il tuo Terreno
  • Essere in regola con l’iscrizione annuale alla piattaforma formativa e sito www.metatraining.it

Programma della Scuola

La scuola prevede tre anni di corso con una mole di ore superiore alle 250 che condurranno il professionista ad una formazione completa, esaustiva e applicabile nella pratica quotidiana. Alcune lezioni potranno essere in presenza per permettere la conoscenza del gruppo, ma nella maggior parte dei casi saranno in modalità FAD – online, per permettere anche a chi fosse fuori sede di formarsi adeguatamente.

Ogni lezione verrà registrata e messa nella piattaforma metatraining per essere consultata tutte le volte che lo studente lo ritenga necessario. Per il conseguimento del diploma con attestato di “Professionista della Cura del Terreno”, è obbligatoria la presenza all’80% delle lezioni e il conseguimento dell’esame finale.

Esame Finale

Alla fine di ogni anno è prevista una prova di esame scritto per valutare la preparazione acquisita. Può accedere all’esame solo chi ha frequentato almeno l’80% delle lezioni. Il superamento della prova di esame permette il ricevimento del Diploma di Professionista della Cura del Terreno.

Primo Anno (inizio delle lezioni Gennaio 2023). Le lezioni saranno l’ultima domenica di ogni mese dal mese di gennaio al mese di novembre)

Argomenti trattati

  1. Il concetto di terreno come base di tutto
  2. La forza vitale: come il Professionista della Cura del Terreno” impara a riconoscerla in ogni persona
  3. Le radici e miasmi come professionista della Cura del Terreno
  4. Analisi delle patologie su base miasmatica
  5. Differenza fra soppressione e cura alla radice: quando una e quando l’altra
  6. Interventi epigenetici del Professionista della cura del Terreno sui mitocondri
  7. Interventi epigenetici del Professionista della cura del Terreno sugli enzimi
  8. Interventi epigenetici del Professionista della cura del Terreno sulla metilazione
  9. Interventi epigenetici del Professionista della cura del Terreno sulla detossificazione
  10. Interventi epigenetici del Professionista della cura del Terreno sui polimorfismi genetici
  11. Interventi epigenetici del Professionista della cura del Terreno sui cofattori enzimatici
  12. Interventi epigenetici del Professionista della cura del Terreno  sulle vitamine
  13. L’alimentazione mitocondriale – antinfiammatoria
  14. Il protocollo restart  e le varie tappe della riatletizzazione intestinale
  15. Alimentazione mitocondriale in caso di eccesso di istamina
  16. Alimentazione mitocondriale in caso di food sensitivities al nichel
  17. Alimentazione mitocondriale in caso di eccesso di ossalati
  18. Alimentazione mitocondriale in caso di applicazione del protocollo Nemecheck
  19. Interventi epigenetici del Professionista della cura del Terreno con alimenti fermentati
  20. Interventi epigenetici del Professionista della cura del Terreni sulla glicazione
  21. Interventi epigenetici del Professionista della cura del Terreni su lectine e antinutrienti in genere
  22. Come migliorare l’assorbimento intestinale
  23. Come migliorare la digestione dei cibi
  24. Non esistono emozioni negative: noi siamo emozioni
  25. I parassiti e la parassitosi intestinale
  26. La scala della parassitosi
  27. Interventi del Professionista della Cura del Terreno in caso di parassitosi
  28. Nozioni di esame obiettivo utili per il Professionista della Cura del Terreno (lingua, facies, angolo del braccio, attitudine comportamentale, addome, mano, postura…)
  29. La matrice extracellulare, il pince roullè, gli organi e le emozioni
  30. Il DNA mitocondriale materno
  31. Le interleuchine
  32. La melatonina
  33. Il linguaggio degli organi e delle aree della matrice
  34. L’inestetismo come segnale
  35. Nozioni di floriterapia applicabili alla cura del terreno
  36. Nozioni di terapia con oligoelementi applicabili alla cura del terreno
  37. Relazione fra omeosinergia e cura del terreno
  38. I detergenti enzimatici  usati nella cura del terreno
  39. I microorganismi effettivi  applicabili nella cura del terreno
  40. Pensieri e parole in chi si cura nel terreno
  41. Importanza della meditazione
  42. Interventi di gestione nella termoregolazione dell’organismo per ottimizzare l’assetto metabolico
  43. Importanza della evacuazione
  44. In quali situazioni cliniche il clistere medicato è terapia

Secondo Anno

Argomenti trattati

  1. La materia medica
  2. Arnica
  3. Arsenicum album
  4. Belladonna
  5. Bryonia
  6. Camomilla
  7. Cuprum
  8. Gelsemium
  9. Hepar Sulfur
  10. Hipericum perforatum
  11. Ignatia
  12. Kalium phosphoricum
  13. Licopodium
  14. Mercurius solubilis 6 CH
  15. Natrum muriaticum
  16. Nux vomica
  17. Phosphorus
  18. Pulsatilla
  19. Symphitum
  20. Spongia tosta
  21. Sulfur
  22. Silicea
  23. Tubercolinum koch
  24. Altri rimedi a seconda delle necessità
  25. I biotipi costituzionali e la loro relazione con il peso forma e i quadri clinici
  26. Come adattare l’attività fisica al biotipo costituzionale della persona
  27. I biotipi e le situazioni cliniche
  28. I biotipi e l’integrazione
  29. Il microbiota intestinale
  30. Ruolo epigenetico del Professionista della Cura del Terreno nei primi mille giorni di vita
  31. L’istamina
  32. Il triptofano
  33. Dopamina, serotonina, GABA, cortisolo, GH
  34. La curva dello stress e il timing nella prescrizione della integrazione e del drenaggio
  35. Gli oli essenziali nella gestione e cura delle varie situazioni cliniche ed emozionali
  36. Ortosimpatico tono e parasimpatico tono
  37. Il nervo vago e le connessioni intestino cervello
  38. Il neuro sviluppo e le sue implicazioni con l’asse intestino cervello
  39. Il riflesso di moro
  40. La masticazione
  41. La tiroide come aiutante impeccabile nella resilienza: come mantenerli in equilibrio
  42. Il surrene come aiutante mpeccabili nella resilienza: come mantenerlo in equilibrio
  43. Interventi del Professionista della Cura del  Terreno nel mantenimento di un fisiologico ritmo sonno veglia
  44. La ghiandola pineale: implicazioni cliniche

Terzo Anno

  1. Afte e mucositi: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  2. Allergia: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  3. Alzheimer: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  4. Ansia: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  5. Artrite: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  6. Ascesso/Otite/ cisti suppurata: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  7. Candida e micosi nella disbiosi intestinale: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  8. Cistite/enuresi/uretrite/prostatite: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  9. Colite/colite eosinofila/gastroenterite: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  10. Dermatite: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  11. Diverticolosi e diverticolite: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  12. Droghe e dipendenze: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  13. Esposizione alle radiazioni: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  14. Febbre: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  15. Fibromialgia: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  16. Gotta: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  17. Ipotiroidismo: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  18. Herpes simplex: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  19. Herpes zoster: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  20. Impetigine: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  21. Ittero del neonato: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  22. Litiasi epatica e renale: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  23. Mastite: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  24. Molluschi contagiosi: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  25. Orticaria: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  26. Prurito: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  27. Raffreddore: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  28. Ragadi: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  29. Sciatalgia: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  30. Sclerosi multipla: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  31. SIBO: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  32. SIFO: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  33. Sindrome emorroidaria inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  34. Sindrome dello spettro autistico: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  35. Sindrome PANS/PANDAS: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  36. Sinusite: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  37. Torcicollo: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  38. Tonsillite/faringite/laringite: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  39. Tosse, bronchite, broncospasmo: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  40. Verruche: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  41. Vertigine/labirintite: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  42. Zecche e borreliosi: inquadramento miasmatico e terapia alla radice
  43. Geopatie e intervento del Professionista della Cura del Terreno
  44. Lipopolisaccaride/ E. Coli/Clostridi/Stafilococcus nella disbiosi intestinale

Libri di testo della scuola Nutri il tuo terreno modulo avanzato

  • Ama con la legge della quadri polarità. Monica Greco. Letteratura alternativa edizioni
  • I primi mille giorni
  • Il Platano in cucina. Monica Greco. Amazon edizioni.
  • Io sono uomo capace forse. Cristian Stratonie. Letteratura alternativa edizioni
  • La salute vien mangiando. Geta Curca Viorica. Amazon edizioni
  • Lettere a me stesso a cuore aperto. Arnaldo Greco. Amazon edizioni
  • Luci nel mondo 1. La parola nascosta nell’autismo.  Monica Greco. Riccardo Petru Nechita. Andrea Ciaffoni. Selim El Merzougui. Federico Chini. Lisa D’Orio. Cristain Stratonie. Amazon edizioni
  • Luci nel mondo 2. La parola nascosta nell’autismo.  Monica Greco. Riccardo Petru Nechita. Andrea Ciaffoni. Selim El Merzougui. Federico Chini. Lisa D’Orio. Cristain Stratonie. Sofia Cassanelli. Amazon edizioni
  • Ricette con il cuore di Geta. Monica Greco. Barbara Casalini. Letteratura alternativa Edizioni
  • SOS. Sistema immunitario. A cura del dott. Francesco Garritano. Falco Editore

Costo della Scuola e modalità di iscrizione:

1° anno: 1300 euro (più IVA 22%)

2° anno: 1300 euro (più IVA 22%)

3° anno: 1300 euro (più IVA 22%)

perfezionamento annuale nel post-diploma 600 euro (più IVA 22%)

Per far parte del  team di Professionisti della cura del Terreno è richiesta la frequenza dell’aggiornamento annuale che permette al professionista di rimanere al passo delle valutazioni scientifiche aggiornate.